14^ Rassegna Internazionale Cinema Scuola

LO SPETTACOLO DEL MONDO

da SELMA - LA STRADA PER LA LIBERTÀ

 

dal 19 al 23 novembre 2018 

BALON 

di Pasquale Scimeca | Italia, 2018

dai 12 anni

scuole secondarie di I e II grado

Sierra Leone, oggi. Amin si diverte a giocare a calcio con i tanti ragazzini del villaggio. Sua sorella Isoké, quindici anni, aiuta le altre donne nelle faccende quotidiane. La loro vita scorre tranquilla seguendo i ritmi abituali del villaggio africano fino al giorno in cui una sparatoria provocata dall’irruzione di un gruppo di mercenari, colpisce a morte i loro genitori. Soli e impauriti i due ragazzini scappano con l’idea di raggiungere un loro parente in Svezia, ma non hanno documenti, né soldi e non sanno nulla del viaggio che li attende e neanche dove sia l’Europa. Attraversano il deserto a piedi fino a raggiungere la Libia dove incontrano tanti altri ragazzini come loro e donne, uomini resi prigionieri e schiavi dalle milizie locali. Tutto si fa più difficile, ma Amin e Isoké non perdono la speranza di raggiungere l’Europa.

Temi: il senso di comunità nella cultura dell’Africa nera; l’immigrazione dei minori stranieri non accompagnati; il diritto all’accoglienza, alla famiglia, all’istruzione dei minori di qualsiasi etnia e religione; le condizioni di schiavitù degli immigrati in paesi di confine come la Libia; il sogno di libertà e il diritto al futuro.

Note: il film ha vinto lo Zanzibar Film Festival 2018, il Premio Gli Occhiali di Gandhi all’ultimo festival del cinema di Torino, il Premio Giardini Naxos Film festival 2018. I ricavi del film sostegono la costruzione di una scuola, di un pozzo e di un centro sanitario per la popolazione del villaggio in cui è stato girato il film.

Alle proiezioni saranno presenti

il regista Pasquale Scimeca e la produttrice Linda Di Dio


da CENERENTOLA

 

dal 26 al 29 novembre 2018

LO SCHIACCIANOCI E

I QUATTRO REGNI

di Lasse Hallstrom e Joe Johnston | USA, 2018

dagli 8 anni

scuole primarie e secondarie di I e II grado

È la vigilia di Natale. Come ogni anno, il Signor Drosselmeyer e sua figlia Clara si riuniscono con altri ospiti per partecipare alla magnifica festa organizzata dal giocattolaio. Durante i festeggiamenti, seguendo per gioco un filo dorato che attraversa i lunghi corridoi dell’immensa magione, Clara viene condotta in un mondo magico, a lei sconosciuto, diviso in quattro regni: il regno dei fiocchi di neve, il regno dei fiori, il regno dei dolci. Ma è il Quarto Regno quello più difficile da affrontare, dominato dalla tiranna Madre Ginger. Qui Clara deve recuperare la chiave capace di aprire una scatola che contiene un dono speciale lasciatole dalla madre defunta.

Temi: la scoperta e la conoscenza del proprio mondo interiore; dare vita ai propri desideri affrontando gli ostacoli e le difficoltà; la relazione tra realtà, sogno e fantasia nell’infanzia e adolescenza; la magia della vigilia di Natale come tempo di attesa; le diverse forme di narrazione – romanzo, musica, cinema – a confronto.

Note: il film è l’adattamento cinematografico del racconto tedesco Schaccianoci e il re dei topi (1816) di E.T.A. Hoffmann e l’incantevole balletto natalizio musicato da Čajkovskij (1892), a sua volta ispirato alla traduzione poco fedele del racconto originale, da parte di Alexandre Dumas padre “Storia di uno schiaccianoci” (1845).


da LA FAMIGLIA BELIER

 

5 e 6 dicembre 2018 

MANUEL 

di Dario Albertini | Italia, 2018

dai 14 anni

per scuole secondarie di II grado

Al compimento del diciottesimo anno di età, Manuel deve lasciare la comunità per minori. Fuori Manuel non ha nessuno ad aspettarlo: suo padre non c’è più, sua madre è in carcere per spaccio. La donna potrebbe ottenere gli arresti domiciliari se Manuel dimostra ai servizi sociali che è in grado di prendersene cura e controllarla. Il ragazzo è molto legato a sua madre e soprattutto è l’unica persona rimastagli per cui fa di tutto, pulire la casa da cima a fondo, trovare un lavoro, allontanare i vecchi amici non raccomandabili, per dimostrare che lui è in grado di assumersi le sue responsabilità. Ma il peso che Manuel si sta caricando è molto più grande della sua stessa volontà e fuori dalla comunità c’è un mondo che il ragazzo non conosce e che difficilmente si prende cura di chi vuole riscattarsi

Temi: la gestione della libertà e dell’autonomia in adolescenza; sapersi assumere responsabilità nel rispetto della legalità; la relazione difficile tra comunità e realtà fuori dalla comunità o fuori dal carcere in una società poco inclusiva; la volontà di riscattarsi e il desiderio di costruire un futuro dignitoso.

Note: Manuel è il primo film di finzione del documentarista Dario Albertini, musicista dei Tiromancino. È stato presentato al festival di Venezia 2017 e candidato ai Nastri d’Argento 2018 per la sezione Miglior Regista Esordiente.

È prevista la presenza del regista Dario Albertini


da CORRI RAGAZZO CORRI

 

dal 14 al 17 gennaio 2019

UN SACCHETTO DI BIGLIE

di Christian Duguay | Francia, 2018

dai 10 anni

scuole primarie e secondarie di I e II grado

Francia, 1944. Joseph e Maurice Joffo sono due fratellini ebrei costretti all’improvviso ad abbandonare i loro giochi e amici per sfuggire ai nazisti. I loro genitori preferiscono dividersi dagli amati figli nella speranza che almeno i piccoli possano salvarsi. I due bambini iniziano così un viaggio lungo e difficile per la Francia durante il quale incontrano persone che li aiuteranno e militari che cercheranno di farli salire sui treni per i campi di sterminio se riusciranno a dimostrare che si tratta di due bambini ebrei. Ma Joseph e Maurice terranno sempre a mente la lezione del loro papà che prima di separarsi da loro li ha fatti esercitare su ciò che dovranno dichiarare di se stessi: essere di religione cattolica con nome e cognome cattolici. Tutto questo basterà un giorno a ritrovare i loro genitori e, finita la guerra, a vivere in pace?

Temi: il razzismo verso gli ebrei, le leggi razziali e la barbarie nazista visti e raccontati attraverso lo sguardo di due bambini; il ruolo della Francia e dell’Italia durante l’occupazione nazista; la solidarietà dei giusti.

Note: il film è tratto dal romanzo omonimo di Joseph Joffo che racconta gli anni da lui vissuti insieme alla sua famiglia nella Francia occupata dai nazisti durante la seconda guerra mondiale. Il libro è pubblicato in Italia nella collana BUR - Rizzoli edizioni.


da INSIDE OUT

 

18 gennaio 2019 – SEZIONE DOC

1938 DIVERSI

di Giorgio Treves | Italia, 2018

dai 14 anni

scuole secondarie di II grado

Era il 1938 e il popolo italiano, che non era tradizionalmente antisemita, fu spinto dalla propaganda fascista ad accettare la persecuzione di una minoranza che viveva pacificamente in Italia da secoli. Il film vuole ripercorrere ciò che comportò per la popolazione ebraica e non, l’attuazione di quelle leggi e i meccanismi sottili di persuasione messi in opera dal fascismo. Il documentario illustra anche la forte componente del razzismo presente nel regime fascista fin dal suo inizio per tradursi poi nella militarizzazione del popolo italiano, nell’esaltazione della romanità, nella conquista dell’Africa Orientale e infine nelle leggi antisemite e nell’alleanza con Hitler. 

È prevista la presenza del regista Giorgio Treves


da LES HERITIERS

 

dal 21 al 24 gennaio 2019

LA SIGNORA DELLO ZOO

DI VARSAVIA

di Niki Caro | Repubblica Ceca, 2018

dai 12 anni

scuole primarie e secondarie di I e II grado

Varsavia, seconda guerra mondiale. I coniugi Zabisnki dirigono lo zoo di Varsavia pieno di animali esotici e molto frequentato da piccoli e adulti grazie alla cura e alle mostre che i due coniugi organizzano. Nel 1939 però l’occupazione della Polonia da parte della Germania nazista e i bombardamenti a seguire distruggono gran parte dello zoo uccidendo molti animali. I Zabisnki non si danno per vinti, utilizzeranno tutte le loro conoscenze e le loro forze per salvare non solo gli animali rimasti vivi ma riescono a proteggere centinaia di ebrei, rischiando fino all’ultimo minuto la loro vita e quella del loro piccolo figlio.

Temi: le leggi razziali, l’antisemitismo, il nazismo; il coraggio di fare scelte diverse e di assumersi la responsabilità della vita degli altri; la bellezza e la cura della natura contro l’orrore e la distruzione della guerra; conservare il senso di comunità e di umanità, essere e rimanere Giusti, anche quando le leggi dettano ordini contrari.

Note: il film si ispira al romanzo omonimo di Diane Ackerman che racconta una pagina poco nota della resistenza polacca. La regista Niki Caro lo fa utilizzando un impianto classico e molto emozionante.


da BANANA

 

25 gennaio 2019

UNA QUESTIONE PRIVATA

di Paolo e Vittorio Taviani | Italia, 2018

dai 16 anni

scuole secondarie di II grado

Milton, giovane partigiano torna alla villa dove ha conosciuto l’amata Fulvia. Qui scopre che molto probabilmente tra lei e il suo migliore amico, Giorgio, anche lui partigiano, potrebbe essere nata una storia d’amore. Milton vuole sapere la verità e nel tentativo di ricevere da Giorgio un chiarimento, intraprende un viaggio difficile attraverso il paesaggio verde e nebbioso delle Langhe che diventa per lui un complesso percorso di conoscenza di se stesso, della condizione umana, della barbarie della guerra.

Temi: la memoria della guerra partigiana in Italia; il sentimento dell’amore e della passione in un periodo in cui a prevalere sono lo scontro, la guerra, l’odio; la lotta con se stessi per rimanere integri in un contesto che abbruttisce e sgretola i legami sociali; la ricerca ossessiva della verità nel tentativo di restare umani.

Note: il film, candidato al Premio David di Donatello 2018 e al Globo d’Oro 2018, è liberamente tratto dal capolavoro omonimo di Beppe Fenoglio.

 


da FIGLIO DI NESSUNO

 

dal 28 al 30 gennaio 2019

IL RITORNO DI MARY POPPINS

di Rob Marshall | USA, 2018

dagli 8 anni

scuole primarie e secondarie di I e II grado

Londra. Michael Banks ha tre figli, Annabel, Georgie e John e il posto di governante è occupato dall’anziana Ellen. Una perdita improvvisa e dolorosa nella vita del Signor Banks richiama l’attenzione di una vecchia amica: Mary Poppins. La bambinaia plana nel vialetto alberato e spacchetta l’unico capiente bagaglio che porta con sé. Il lampionaio Jack, l’eccentrica cugina Topsy, la signora dei palloncini, il direttore della banca in pensione e tanti altri stravaganti personaggi le daranno una mano con le lezioni di disciplina: i fratelli Banks impareranno così a mandar giù pillole a forza di zucchero, a pronunciare lunghe parole sibilanti e dar filo da torcere a tutti i banchieri spietati in circolazione. Ma non è tutto qui. Mary Poppins saprà imbastire avventure straordinarie… adesso che la tata è tornata «qualcosa di strano di certo accadrà».

Temi: il valore della magia, del mistero, della fantasia nella crescita dei bambini; educare al rispetto delle regole attraverso il gioco e la dolcezza; i luoghi e i personaggi delle fiabe tradizionali per interpretare il presente; salvaguardare e nutrire “l’essere” facendolo prevalere “sull’avere”.

Note: molto più che un sequel del film del 1964, Il ritorno di Mary Poppins si nutre un po’ di tutti i romanzi di Pamela Travers Lyndon e di molti film della Disney riuscendo a parlare ai bambini e agli adulti di oggi.


da IL PICCOLO PRINCIPE

 

31 gennaio e 1 febbraio 2019

LUIS E GLI ALIENI

di Christoph Lauenstein | Germania/Danimarca/Lussemburgo, 2018

dai 6 anni

scuole primarie e secondarie di I grado

Luis è un ragazzino timido e silenzioso. Orfano di madre e figlio di uno strambo ufologo che passa le sue giornate a scrutare le stelle, Luis si sente una nullità e a scuola il più delle volte viene preso di mira dai bulletti della classe. La sua condizione di ragazzino chiuso, trascurato dal padre attira l’attenzione dei servizi sociali che vorrebbero affidarlo a una comunità. Ma Luis vuole restare a casa sua, ad occuparsi anche del padre e per sfuggire alla visita degli assistenti sociali chiede aiuto a tre alieni spassosi, gommosi e capaci di trasformarsi in uomini, animali e oggetti. Ma davvero riusciranno i tre irresistibili alieni ad aiutare fino in fondo Luis?

Temi: a scarsa autostima e l’isolamento; la qualità delle relazioni tra compagni di classe; il bisogno dei figli di sentire la presenza e la cura da parte dei propri genitori; l’immaginazione e la fantasia per affrontare gli ostacoli; il valore dell’amicizia per sostenersi e cambiare in positivo i comportamenti e la stima di sé.

Note: il film, di produzione tutta europea, è una deliziosa animazione che porta all’attenzione dei più piccoli temi importanti, in maniera semplice, ritmata e molto divertente.


da THE GIVER, IL MONDO DI JONAS

 

dal 4 al 6 febbraio 2019

A UNITED KINGDOM

di Amma Asante | Gran Bretagna, 2017

dai 14 anni

scuole secondarie di I e II grado

Londra, 1947. Seretse Khama, principe del Botswana, studia giurisprudenza ed è un attivista fervente dei diritti umani. Il suo destino è quello di essere il futuro re dello stato africano, non appena suo zio abdicherà a suo favore. Nel frattempo, a Londra Seretse si innamora di una ragazza bianca della middle class, che nonostante il futuro non facile che attende Seretse, decide di sposarlo contro la volontà dei suoi genitori. Ma il matrimonio dei due giovani e la decisione di andare a vivere in Africa diventa presto un caso politico: la comunità dei neri non vuole una regina bianca vista come il simbolo dello loro sfruttamento e Londra, la Gran Bretagna non vuole un matrimonio con una donna bianca inglese, allora vietato. In realtà il governo inglese teme che le idee di libertà del giovane e le sue lotte possano mettere in difficoltà i programmi di sfruttamento delle terre da parte della Gran Bretagna. Nonostante i ricatti, le sofferenze, l’esilio forzato di Seretse a Londra, i due giovani ce la metteranno tutta per riportare libertà e dignità al popolo nero del Botswana. 

Temi: il razzismo, le sue radici politiche e le sue implicazioni sociali; lo sfruttamento degli stati africani da parte dell’Europa e l’origine storica della povertà, dello sfruttamento di intere popolazioni dell’Africa nera; la ricostruzione sana di una comunità che sa andare oltre le appartenenze religiose e il colore della pelle

Note: il film racconta, in maniera straordinaria e appassionata, la vera storia di Seretse e la sua giovane moglie. Una storia del passato che vale la pena conoscere perché ci illumina sul presente.


da I FRATELLI NERI

 

14 e 15 febbraio 2019

REMI

di Antoine Blossier | Francia, 2018

dai 6 anni

scuole primarie e secondarie di I e II grado

Remi, bambino orfano, viene affidato alla gentile Signora Barberin. All’età di dieci anni, a causa di problemi famigliari e una grave malattia che colpisce il marito della Signora Barberin, Remi viene portato via dalla madre adottiva e affidato al signor Vitalis, un misterioso musicista ambulante. Al suo fianco, Remi apprenderà la dura vita del saltimbanco per guadagnarsi il pane. Insieme al fedele cane Capi e alla scimmietta Joli Coeur, il suo lungo viaggio attraverso la Francia gli permetterà di fare molti incontri, avere nuovi amici e vivere tante avventure che gli daranno la possibilità di conoscere il segreto delle sue vere origini.

Temi: il valore della gentilezza e dell’accoglienza; la condizione dell’infanzia nell’800; i diritti dei bambini; crescere imparando ad affrontare le difficoltà; l’importanza del viaggio per conoscere se stessi e gli altri. 

Note: un nuovo ed emozionante adattamento del romanzo Senza famiglia di Hector Malot (in Italia pubblicato da Edizioni EL), dopo i vari adattamenti per il cinema e la televisione, tra cui il più famoso è l’anime giapponese Remi – le sue avventure trasmesso in Italia la prima volta nel 1979.


da DIFRET – IL CORAGGIO DI CAMBIARE

 

dal 18 al 21 febbraio 2019

READY PLAYER ONE

di Steven Spielberg | USA, 2018

dagli 11 anni

scuole secondarie di I e II grado

Columbus, Ohio, 2045. La terra è un luogo distrutto da guerre, inquinamento e crisi energetica. Gran parte della popolazione vive in ristrettezze economiche e per sfuggire ai problemi quotidiani si rifugia nel mondo virtuale di Oasis, un universo ispirato ai ruggenti anni ottanta, creato dal milionario che conta milioni di login al giorno e gli scenari iperrealistici in cui sfuggire al mondo tetro e pericoloso. La notizia della morte del creatore di Oasis arriva insieme con l’ultima, stimolante sfida lanciata dall’eccentrico uomo: una caccia al tesoro da miliardi di dollari. L’adolescente Wade, attraverso l’avatar Parzival provvederà a guadagnarsi il premio in palio lottando contro multinazionali e un nutrito gruppo di concorrenti senza scrupoli.

Temi: il videogioco, i nerd, il virtuale come mezzi per interpretare la realtà; il videogame tra mezzo cinematografico e mezzo ludico; il rapporto tra persone e media digitali; i limiti delle nostre identità e le regole sociali; la ricerca di una misura umanistica all’interno dell’immensa comunità virtuale; la rappresentazione dei miti della cultura pop degli anni ’80 nei media di oggi. 

Note: tratto dal bestseller di fantascienza Ready Player One di Ernest Cline, edito in Italia da Dea Planet, il film è l’ultimo lavoro del grande Spielberg.


da CLORO

 

22 febbraio 2019 – SEZIONE DOC

UNA SCOMODA VERITÀ 2

di Bonni Cohen e Jon Shenk | USA, 2018

dai 13 anni

scuole secondarie di II grado

Undici anni dopo il documentario Una scomoda verità Al Gore, ex vice presidente degli Stati Uniti durante la presidenza Clinton e Premio Nobel per la Pace nel 2007, torna ad affrontare un tema per il quale non ha mai smesso di impegnarsi e cioè il surriscaldamento globale. In questa seconda opera porta ulteriori esempi e prove scientifiche delle politiche mondiali a favore o contro l’ambiente, descrivendo le cause, gli effetti e le alternative praticabili.


da HEIDI

 

25 e 26 febbraio 2019

CAPRI REVOLUTION

di Mario Martone | Italia, 2018

dai 16 anni

scuolesecondarie di II grado

1914. L’Italia sta per entrare in guerra. Una comune di giovani nordeuropei ha trovato sull’isola di Capri il luogo ideale per la propria ricerca nell’arte e nella vita. Ma l’isola non è un luogo neutro, ha una sua forte identità che si incarna nella figura della capraia, Lucia, poco più che adolescente che, nonostante la diversità di culture, si apre alla comunità guidata da Seybu e dal giovane medico del paese. Capri è un’isola unica al mondo che all’inizio del Novecento ha attratto come un magnete chiunque sentisse la spinta dell’utopia e coltivasse ideali di libertà, come i russi, che esuli a Capri, si preparavano alla rivoluzione.

Temi: la cultura del Novecento nei sogni e nell’immaginario utopico giovanile; ribellarsi all’esistente quando non gratifica e non dà dignità all’uomo ricreando un nuovo orizzonte di ideali in cui prevalgono l’arte, l’ecologismo, il pacifismo, il senso di comunità aperta, l’interculturalità, l’accoglienza del diverso; il bisogno di libertà e di ribellione dell’individuo contro ogni forma di dittatura; la cultura, il pensiero critico, il dialogo come mezzi per cambiare l’arte, la vita.

Note: dopo Noi credevamo e Il Giovane Favoloso, Mario Martone con Capri Revolution chiude una trilogia sui giovani, sull’arte, sugli ideali di libertà alla base della quale c’è la ribellione come cuore e motore della Storia. Il film contiene riferimenti ad artisti come Joseph Beuys (1921-1986) e Wilhelm Diefenbach (1851-1913) che hanno avuto contatti o vissuto per certi periodi a Napoli e Capri. 


da CLASS ENEMY

 

dal 26 al 28 febbraio 2019

LA MELODIE

di Rachid Hami | Francia, 2018

dai 12 anni

scuole secondarie di I e II grado

Simon, un famoso musicista ormai disilluso, arriva in una scuola alle porte di Parigi per dare lezioni di violino. I suoi metodi d’insegnamento rigidi e tradizionali non facilitano il rapporto con alcuni allievi problematici. Tra loro c’è Arnold, un timido studente affascinato dal violino, che scopre di avere una forte predisposizione per lo strumento. Grazie al talento di Arnold e all’incoraggiante energia della sua classe, Simon riscopre a poco a poco le gioie della musica. Riuscirà a ritrovare l’energia necessaria per ottenere la fiducia degli allievi e mantenere la promessa di portare la classe ad esibirsi al saggio finale alla Filarmonica di Parigi?

Temi: l’emancipazione, il riscatto sociale, l’autostima e lo sviluppo di sé attraverso l’arte; la didattica innovativa per favorire le interazioni sociali; la passione, il rigore, la cura della relazione nel rapporto maestro – allievi; saper decostruire i concetti di destino, classi sociali, emarginazione sociale attraverso il coraggio di osare nelle proprie scelte, puntando al massimo delle proprie possibilità.. 

Note: il film porta la regia di un artista franco algerino che ha vissuto la sua infanzia e adolescenza nella banlieue parigina, la storia prende spunto da esperienze di educazione alla musica nelle periferie in Francia con il supporto della Filarmonica di Parigi e fa riferimento anche all’esperienza analoga de El Sistema di Jose Antonio Abreu in Brasile.


da MINUSCULE – LA VALLE DELLE FORMICHE PERDUTE

 

1 e 6 marzo 2019

IL I PRIMITIVI

di Nick Park | Gran Bretagna/Francia, 2018

dai 6 anni

scuole primarie

Dug è un giovane cavernicolo che vive in perfetta sintonia con la sua sgangherata tribù nell’Età della Pietra. Insieme cacciano, si nutrono, si difendono dagli animali feroci, scoprono grotte e disegni di chi li ha preceduti. Tra i disegni di alcune grotte Dug osserva che i suoi predecessori usavano un oggetto a forma sferica che non sa decifrare e che più tardi scoprirà essere una palla. Nel frattempo, l’Età della Pietra sta per finire cedendo il passo all’Età del Bronzo i cui guerrieri vanno in giro per le Badlands a sottrarre terre fertili ai primitivi rimasti. Ma Dug non si da per vinto e si infiltra nel territorio nemico dove apprenderà che il gioco preferito nell’Età del Bronzo è il calcio. Con l’aiuto di Ginna, una brava calciatrice dell’Età del Bronzo, emarginata perché donna, Dug riesce a mettere su una vera squadra di calcio per provare a sfidare il nemico con tutte le sue forze.

Temi: il passaggio dall’Età della Pietra all’Età del Bronzo; il concetto di evoluzione   e progresso nella vita degli uomini; i valori più importanti per la comunità umana validi in qualsiasi periodo storico: il rispetto dell’altro, delle regole di partecipazione democratica, la solidarietà; il valore dell’amicizia e del gruppo capace di educare e di accettare le diversità e supportare le debolezze. 

Note: dal geniale autore di Wallace & Gromit, Shaun – vita da pecora, Galline in Fuga, La maledizione del coniglio mannaro, Nick Park dirige il film utilizzando ancora una volta la plastilina e unendo temi importanti al divertimento, al surreale, al sarcastico.


da TIMBUKTU

 

7 e 8 marzo 2019

MARY SHELLEY

di Haifaa Al Mansour | USA, 2018

dai 14 anni

scuole secondarie di I e II grado

Figlia della filosofa e proto-femminista Mary Wollstonecraft e del filosofo e libraio William Godwin, la giovanissima Mary incontra, si innamora e infine sposa il poeta Percy Bysshe Shelley, con cui si reca in Svizzera, ospite di Lord Byron, insieme alla sorellastra: è qui, a Villa Diodati, che Byron invita Mary, Percy e il suo medico Polidori a cimentarsi in una gara di racconti sui fantasmi, stimolando la donna a scrivere Frankenstein. Editato in forma anonima, diffusamente ma erroneamente attribuito a Percy Shelley, che ne firma la prefazione, solo in un secondo tempo il libro viene attribuito, per i tipi del padre William Godwin, alla sua legittima autrice: Mary Shelley. 

Temi: gli ideali di libertà e di riformismo vissuti e raccontati attraverso l’arte di una giovane donna; la storia delle donne artiste antesignane del femminismo; il valore della parola e della scrittura per esprimere se stesse e per affermare le proprie istanze di emancipazione; l’amore, la coppia, la famiglia nella tradizione occidentale di ieri e nella cultura occidentale di oggi; il rispetto dell’altro e l’ascolto alla base di qualsiasi riforma e cambiamento socio-culturale. 

Note: il film racconta in maniera appassionante e vigorosa la storia vera ed esemplare, di Mary Godwin-Wollstonecraft, scrittrice e femminista, meglio conosciuta col cognome da coniugata: Mary Shelley, l’autrice di quel capolavoro Frankenstein, o il moderno Prometeo che così tanta influenza avrà negli anni a seguire, sulla letteratura e sul cinema. Haifaa Al Mansour è nota per essere la prima regista saudita.


da IL BAMBINO E IL MONDO

 

11 e 12 marzo 2019

I RACCONTI DI PARVANA

di Nora Twomey | Irlanda, 2018

dai 10 anni

scuole secondarie di I e II grado

Afghanistan, 2011. Il regime talebano è in piena guerra con l’Occidente. Parvana, 11 anni, vive con la madre, la sorella maggiore, un fratello piccolo e il padre. Un giorno, mentre è in giro per vendere alcuni antichi oggetti di famiglia, Parvana è presa di mira da alcuni soldati e solo l’intervento del padre può evitare il peggio. L’uomo però viene arrestato per vendetta con false accuse e viene rinchiuso in carcere, nel deserto. Parvana non può più uscire di casa perché secondo le regole imposte dai Talebani, le donne non possono uscire se non sono accompagnate da una figura maschile. La ragazzina decide così di tagliarsi i capelli, di vestirsi da maschio e fingersi di essere un lontano cugino Aatish, riuscendo a evitare di essere riconosciuta e a comprare il cibo da portare a casa. Con ostinata determinazione, Parvana rischia così la vita ogni giorno per aiutare la sua famiglia e raccogliere informazioni sul suo amato genitore.

Temi: la condizione femminile e il fondamentalismo islamico attraverso gli occhi di una bambina; la lotta e la resistenza delle bambine e delle donne per la sopravvivenza e l’affermazione di sé; il valore della solidarietà e dell’amicizia nella lotta per i diritti umani.

Note: il film candidato al Premio Oscar 2018 come Miglior Film d’Animazione nel 2018, candidato ai Golden Globes 2018 è stato prodotto dai creatori del premio Oscar La canzone del mare e The Secret of Kells e da Angelina Jolie, da sempre dedita a cause umanitarie anche in campo cinematografico. Il film è tratto dal libro Sotto il burqua di Deborah Ellis, edito in Italia da Rizzoli.


da IL BAMBINO E IL MONDO

 

13 e 14 marzo 2019

DUNKIRK

di Christopher Nolan | Gran Bretagna, 2018

dai 14 anni

scuole secondarie di I e II grado

Maggio 1940. Sulla spiaggia di Dunkerque in Francia circa 400 mila soldati inglesi sono accerchiati dai soldati tedeschi, mentre la Francia dichiara la propria disfatta. A Londra, Churchill decide di non ritirarsi nonostante la grande perdita di uomini e pur attaccati da mare, cielo e terra i britannici organizzano una difficilissima e rocambolesca operazione di ripiegamento. Churchill “nell’ora più buia” ordina a tutte le imbarcazioni civili, di riportare a casa i soldati inglesi: 853 imbarcazioni riportarono in Gran Bretagna 344 mila uomini, di cui 111 mila francesi. L’impegno profuso dalle navi militari e dalle little ships assicura una “vittoria dentro la disfatta”. Una vittoria però importante per l’avvenire e la promessa della futura liberazione.

Temi: l’orrore e l’incubo delle guerre raccontato dal punto di vista dei giovani soldati; il senso di responsabilità e di solidarietà di normali cittadini nell’aiutare l’altro in pericolo; il concetto del tempo e dello spazio stravolti e compressi dall’urgenza della sopravvivenza.

Note: il film, realizzato da uno dei registi più interessanti e premiati del panorama internazionale (già autore di Insomnia, Interstellar, Inception), è straordinariamente emozionante ed efficace nel tentativo di portare lo spettatore ad empatizzare con le situazioni mostrate. Premio Oscar 2018 per Miglior Montaggio, Miglior Montaggio del Suono, Miglior Missaggio Sonoro; Premio David di Donatello 2018 come Miglior Film Straniero; Premio Golden Globes 2018 come Miglior Regia, Miglior Colonna Sonora.


da IL BAMBINO E IL MONDO

 

15 marzo 2019 – SEZIONE DOC

SEA SORROW

di Vanessa Redgrave | Gran Bretagna, 2018

dai 14 anni

scuole secondarie di I e II grado

A ottant’anni l’attrice Vanessa Redgrave mette la sua celebrità al servizio dei rifugiati e realizza un documentario su coloro che scappano dalla propria terra per cercare asilo in Europa. Ma la Redgrave non si limita a filmare e a testimoniare il complesso fenomeno immigratorio di oggi. Improntato sin dal titolo su un monologo di Shakespeare (La tempesta) il documentario mette in relazione l’esilio di Prospero e dei rifugiati cercando di analizzare un altro fenomeno, parallelo a quello migratorio, che è il razzismo. La Redgrave non solo richiama l’Europa ai propri doveri facendo riferimento alle varie Dichiarazioni a favore dei Diritti dell’Uomo ma, servendosi di materiali d’archivio, mette a confronto il razzismo di oggi con quello che circa ottant’anni fa fu nutrimento per le leggi razziali.


da IL BAMBINO E IL MONDO

 

18 e 19 marzo 2019

ZANNA BIANCA

di Alexandre Espigares | Francia/Lussemburgo, 2018

dagli 8 anni

scuole primarie e secondarie di I grado

Zanna Bianca è un lupo con un quarto di sangue di cane. E’ una creatura fiera e coraggiosa. Dopo essere cresciuto nelle terre innevate, meravigliose ma ostili del Grande Nord, viene accolto da Castoro Grigio e la sua tribù di nativi americani. Qui viene protetto dalla tribù, ma dovrà farsi accettare dagli altri cani. Purtroppo Castoro Grigio sarà costretto a cedere Zanna Bianca ad un uomo crudele, che lo obbligherà a trasformarsi in un cane da combattimento. In fin di vita, sarà salvato da una coppia disponibile e amorevole, che con il suo amore insegnerà a Zanna Bianca a dominare il suo istinto selvaggio e a diventare il loro migliore amico.

Temi: la nascita, la crescita, le difficoltà, le paure, la natura, gli uomini raccontati dal punto di vista dei cani;  il bisogno di tutti gli esseri viventi di sentirsi accolti e amati; uomini, animali e piante come un tutt’uno inscindibile; l’importanza di una comunità che sa farsi famiglia amorevole; i comportamenti nonviolenti che generano pace e armonia fra specie viventi diverse.

Note: un nuovo, avvincente ed emozionante film tratto dal capolavoro di Jack London già tradotto in 90 lingue. Espigares crea un’animazione dai tratti semplici ma ricca di sfumature per rendere leggibili le emozioni degli animali. Il film è stato presentato in concorso al Sundance Film festival 2018.


da IL BAMBINO E IL MONDO

 

25 e 26 marzo 2019

EDHEL

di Marco Renda | Italia, 2018

dagli 11 anni

scuole secondarie di I grado

Edhel, undici anni, è nata con una malformazione del padiglione auricolare che fa apparire le sue orecchie “a punta”. Per questo si sente spesso a disagio e cerca di evitare qualunque rapporto umano che non sia strettamente necessario. L’unico posto in cui si sente felice è il maneggio in cui Caronte, il suo cavallo, la aspetta tutti i pomeriggi così come faceva con suo padre. Edhel vive con la madre Ginevra che preme perché la figlia si operi, correggendo quel difetto che la separa da una “normalità” convenzionale. Lo desidera per il bene della figlia, affinché possa essere felice come le sue coetanee. L’incontro con Silvano, il bidello che avvicina Edhel al mondo del fantasy, convince la ragazza della possibilità che quelle orecchie siano il chiaro segno della sua appartenenza alla nobile stirpe degli Elfi. Da quel momento in poi, Edhel inizierà a credere di poter essere finalmente se stessa.

Temi: l passaggio dall’infanzia all’adolescenza; l’accettazione di sé nella relazione con i coetanei; raccontarsi ai propri genitori per sentirsi amati e ascoltati; l’immaginazione e la creatività per vincere il senso di solitudine, gli atti di bullismo dei compagni di scuola e in cui poter vivere liberamente le proprie paure e i propri sogni; accettare e valorizzare la diversità propria e altrui; la relazione tra fantasia e realtà.

Note: prima opera del giovane regista Marco Renda, Edhel è stato presentato in concorso al Giffoni Film Festival 2017 e vincitore dei Los Angeles Film Awards 2017 come Miglior Film, Miglior Regia, Miglior Film Indipendente, Miglior Cast.

È prevista la partecipazione del regista Marco Renda


da IL BAMBINO E IL MONDO

 

27 e 28 marzo 2019

BALLERINA

di Eric Summer e Èric Warin | Francia/Canada, 2017

dai 6 anni

scuole primarie e secondarie di I grado

Francia, fine ‘800. Félicie sogna di diventare una brava ballerina di danza classica mentre il suo amico Victor vuole fare l’inventore. Entrambi hanno coraggio, inventiva, creatività, passione ma c’è un problema: vivono in un orfanotrofio e Felicie non ha i soldi per pagarsi un corso di danza. La loro giovanissima età e il loro entusiasmo verso la vita li spingno comunque a scappare e a buttarsi nella Parigi del tempo, dandosi da fare. È così che Félicie conosce Odette, una ex ballerina che dopo un incidente alla gamba, vive facendo le pulizie per una ricca dama. Odette le da lezioni da mattina a sera per preparare Félicie per un’importante audizione all’Opera di Parigi. La ragazzina ce la mette tutta, sfidando la fatica, le difficoltà, le cadute ma la sua più terribile avversaria è la figlia della dama presso cui lavora Odette, ed è una ballerina molto preparata.

Temi: coltivare le proprie passioni anche se possono costare fatica e qualche sconfitta; credere in se stessi e dare spazio al proprio talento, al di là del contesto di provenienza; non arrendersi di fronte alle prime difficoltà, imparare dagli errori e continuare a lottare per vivere il proprio sogno.

Note: Ballerina è uno dei pochi cartoni animati centrati su una figura femminile. Divertente ed emozionante, molto accurato nelle musiche, nella rappresentazione dei suoi giovani protagonisti e della Parigi del tempo.


da IL BAMBINO E IL MONDO

 

28 e 29 marzo 2019

IL SEGRETO DI CHARLIE 

– DIVENTA CHI SEI

di Rebekah Fortune | Gran Bretagna, 2018

dai 14 anni

scuole secondarie di I e II grado

Charlie, 13 anni, ha un grande talento per il calcio tanto da ricevere un ingaggio per la prestigiosa squadra del Manchester City. La sua famiglia, e il padre in particolare è molto orgoglioso di lui e della carriera splendida che lo attende. Ma Charlie porta dentro di sé un segreto che per lui è difficile da rivelare: è felice solo quando, di nascosto, può vestirsi da ragazza. Nel suo corpo maschile si sente a disagio, gli amici lo deridono ed è interiormente combattuto tra il dover soddisfare le aspettative dei suoi e il bisogno di affermare la propria identità. La scelta che decide di fare rischia di mandare in frantumi la sua famiglia e di allontanare gli affetti a lui più cari, ma Charlie troverà anche persone che sapranno ascoltare e capire quella parte di sé che lotta e desidera di venire alla luce, in pace con se stesso e gli altri.

Temi: il non sempre semplice processo di autoidentificazione in adolescenza; la conoscenza e l’ascolto di sé per accettare e affermare la propria vera identità; l’importanza del supporto della famiglia nell’accompagnare le scelte dei figli; scegliere di soddisfare le proprie naturali aspettative al di là degli schemi sociali e culturali del contesto di appartenenza.

Note: film vincitore del British Indipendent Film Award 2017 come Miglior Film Esordiente, Premio del Pubblico all’Edimburgh Film Festival 2017, Premio Miglior Film al Festival di Guadalajara 2017.


da IL BAMBINO E IL MONDO

 

2 e 3 aprile 2019

BIG FISH & BEGONIA

di Liang Xuan | Cina, 2018

dai 9 anni

scuole primarie e secondarie di I e II grado

Chun è una ragazzina che vive negli abissi. Appena compiuto i sedici anni, come tutti i suoi coetanei è chiamata a salire in superficie con le sembianze di un delfino rosso, per iniziare il suo viaggio nel mondo degli umani. La regola dice che non deve entrare in contatto con gli esseri umani, solo guardarli. Ma durante il suo ritorno a casa, una tempesta intrappola Chun in una rete da pesca e a salvarla ci sarà proprio un umano, un giovane pescatore che le salva la vita. Le loro anime finiscono per legarsi indissolubilmente e Chun sfida le regole del suo mondo per portare in vita il giovane.

Temi: gli elementi naturali acqua, terra, fuoco, aria come luoghi dell’anima; la compresenza dell’uomo con la natura, del passato con il presente in un tutt’uno armonioso; l’incontro della terra con il cielo e il mare come fonte di spiritualità; la solidarietà, l’amicizia e l’amore tra gli essere viventi di ogni religione, di ogni provenienza; i il mito dei riti di passaggio nella crescita del bambino e dell’adolescente; la cura e l’attenzione verso l’altro, conosciuto o sconosciuto.

Note: il film si propone come un racconto epico, magico, una meravigliosa favola ecologica che offre allo spettatore di ogni età scene incantevoli di straordinaria bellezza, con la poesia del racconto per bambini, unendo la tecnica tradizionale con la moderna CGI.


da IL BAMBINO E IL MONDO

 

4 e 5 aprile 2019

UNA LUNA CHIAMATA EUROPA

di Kornél Mundruczó | Ungheria, 2018

dai 16 anni

scuole secondarie di II grado

Aryan, giovane immigrato siriano, viene raggiunto da tre colpi di pistola dalla spietata polizia ungherese nel tentativo di varcare il confine. In seguito al suo ferimento Aryan non muore ma scopre di aver acquisito il dono della lievitazione. Rinchiuso in un campo di rifugiati, riesce a scappare con l’aiuto del Dott. Stern che spera di poter sfruttare il suo potere straordinario. Aryan scopre che in quella parte di Europa dove è capitato, tutto è commercio, la vita delle persone è determinata dalla disponibilità di denaro e la corruzione tocca vari settori. Anche il suo potere, come i miracoli e la spiritualità vengono messi in vendita. Aryan si trasforma così in una specie di angelo, visto come una presenza divina per espiare le colpe di un’Europa troppo interessata al profitto.

Temi: la chiusura delle frontiere agli immigrati da parte di diversi paesi europei; lo sfruttamento dell’uomo come merce da bloccare, mettere in vendita, eliminare; la corruzione che fa arricchire i privati e corrode il sistema di welfare; la speranza di un’Europa diversa i cui uomini possano acquisire la capacità di guardare più in alto.

Note: film audace, che mescola generi diversi, per offrire su temi importanti una sua personale visione. Presentato in concorso al festival di Cannes 2018.


Rassegna Internazionale Cinema Scuola

Ogni anno, la Rassegna Internazionale di Cinema per la Scuola, ormai alla quattordicesima edizione, si articola in quattro diversi moduli tematici: uno, principale, dà il titolo all’intera Rassegna che presenta ogni anno circa 20 pellicole scelte nella migliore produzione europea ed extraeuropea con la presentazione di alcune anteprime nazionali o regionali.

La scelta dei film è sempre molto accurata e tiene conto... leggi tutto>


RIFLESSI SULLO SCHERMO - copertina del catalogo
Scarica il file pdf del catalogo della Rassegna

Centro di documentazione per la legalità e la nonviolenza ANTONINO CAPONNETTO - Bari

Cooperativa Sociale Il Nuovo Fantarca a r.l.

Via Ospedale di Venere, 64

70131 Carbonara – BARI

Part. IVA 05346760720

 

Il Nuovo Fantarca su YouTube